Star Trek: Voyager – S03E14, Un amore impossibile

1a3e0cef6e06594a779d0b4a0413bc91Mi sono lamentato tanto di una cosa in queste mie recensioni di Star Trek: Voyager. No, non sto parlando della traduzione dei titoli dall’inglese all’italiano. No, nemmeno della recitazione della Mulgrew. No, neanche del fatto che il quadrante Delta è troppo simile al quadrante Alpha. Ok, ok, mi lamento troppo, lo ammetto. Adesso mi sto riferendo al terribile nuovo programma della sala ologrammi con la hawaiana. Per fare giusto un esempio, me ne sono lamentato quando ho scritto de Il virus (Macrocosm).

Quindi su questo sono stato chiaro. Ed allora cosa posso pensare di un episodio, Un amore impossibile (stupidissima traduzione dell’originale Alter Ego), che si sviluppa quasi interamente proprio in quel programma olografico? E che riutilizza idee già viste in The Next Generation, apertamente citando l’Enterprise D come precedente? Niente di particolarmente positivo, mi capite. Sorprendentemente, viste queste caratteristiche, l’episodio non è nemmeno così tremendo, anche se non siamo certo di fronte ad un picco di qualità della serie!

La USS Voyager arriva di fronte ad un fenomeno finora conosciuto quasi solo a livello teorico e si sofferma a studiarlo un po’. A proposito, ma che fine ha fatto lo splendidamente minaccioso Nekrit Expanse visto nell’episodio Il prezzo dell’onestà (Fair Trade)? Scusate, sto divagando come mio solito.

Insomma, la storia ha inizio con Harry Kim che chiede aiuto a Tuvok perché si è innamorato di una ragazza olografica del programma hawaiano, Marayna (interpretata da una tipica bellezza statunitense anni Novanta, Sandra Nelson). Non la migliore delle premesse. Ok, era successo anche al buon Geordi LaForge nella terza stagione di The Next Generation in Trappola spaziale, Booby Trap, ma la cosa era stata scritta e sviluppata in maniera ben diversa! E Harry ha già dimenticato la sua povera Libby vista in Non sequitur?

In ogni caso, e preparatevi per i colpi di scena, l’idea è che Tuvok invece di risolvere il problema lo peggiora semi-innamorandosi a sua volta della bella ragazza. Che poi prende il comando della nave come in Elementare, caro Data (Elementary, Dear Data), seconda stagione di The Next Generation (quanta originalità!) che scopriamo essere un caso di studio all’Accademia della Flotta Stellare. Solo che in realtà non è un semplice ologramma, ma un’aliena che si sente sola su una stazione spaziale e che prova a convincere Tuvok a restare con lei. Tentativo fallito, si riparte, fine della puntata.

No, non tra le mie preferite. Spero almeno che chiuda il ciclo hawaiano perché lo trovo insopportabile! Però come detto Un amore impossibile offre vari spunti interessanti. Per esempio l’idea di una stazione spaziale con un solo occupante annoiato che esplora non visto i vascelli di passaggio è intrigante, e la voglia di sviluppare una relazione tra Harry Kim e Tuvok mi sembra lodevole da parte degli sceneggiatori. E la “competizione” per Marayna è l’occasione per divertenti siparietti che mi hanno strappato dei sorrisi. Infine, Tim Russ si conferma una splendida scelta per interpretare il vulcaniano Tuvok, a livello di Leonard Nimoy con Spock! Quindi per me divertente a tratti, ma un po’ troppo derivativo, e con decisamente troppi ologrammi hawaiani. Ciao!

PS: alla regia di questo episodio c’è Robert Picardo, cioè il Dottore olografico, continua la tradizione Star Trek di dare la possibilità ai suoi attori di sviluppare una carriera registica!


Episodio precedente: Il prezzo dell’onestà

Episodio successivo: Circolo chiuso

Annunci

5 risposte a "Star Trek: Voyager – S03E14, Un amore impossibile"

  1. E chi meglio di un esperto di personaggi olografici poteva dirigere un episodio “olografico” come questo? 😉 Ben diretto e abbastanza divertente, vero, pure non potendolo forse annoverare fra i più memorabili della serie….

    Piace a 1 persona

    1. Non avevo pensato alla coincidenza del regista olografico per l’episodio sull’ologramma, effettivamente! :–)

      Decisamente non memorabile, dubito che quando avrò terminato di vedere la serie intera (arriverà mai quel momento? Sono tantissimi episodi!!!) mi ricorderò di questo amore impossibile…

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...