Star Trek: Voyager – S03E20, Il gioco della mantide

favoriteson143Ok, lo so, sono noioso, prendo SEMPRE in giro i traduttori italiani per come stravolgono i titoli originali (e non commento il doppiaggio semplicemente perché guardo tutto in lingua originale, altrimenti farei post di cinquemila parole invece che di cinquecento!). Ma stavolta si sono superati: il titolo originale contiene uno spoiler gigantesco che si riferisce al colpo di scena dell’ultimo atto della puntata! Credo che non avrebbero potuto fare di peggio.

In Favorite Son (Figlio preferito, la traduzione letterale), Harry Kim comincia a mutare geneticamente e pare che non sia realmente umano, bensì un essere di Taresia, un pianeta che la Voyager visita grazie a delle insolite capacità proprio di Kim che salva la nave da distruzione certa per mano di un vascello Nasari. Il pianeta è il classico pianeta sogno dell’americano medio anni 90 (e probabilmente anche dell’italiano medio anni 60, se è per questo): come si direbbe da me in Toscana, è il pianeta delle fie. In italiano più corretto, il pianeta delle belle ragazze. E non solo! Appena Kim sbarca sul pianeta insieme al capitano e ad altri dell’equipaggio, viene circondato da belle e giovani ragazze (Cari Shayne, Kelli Kirland, e Kristanna S. Loken l’ultima delle quali raggiungerà l’apice della sua carriera con quella ciofeca di Terminator 3 nel 2003…) che da subito lo baciano e lo accarezzano vogliose.

Ok, sembra di tornare su Risa come nella prima stagone di The Next Generation con Riker estasiato di vedere tante fieehm, ragazze discinte. La cosa è un po’ diversa visto che ben presto si scopre che qualcosa non va… ma cosa? Beh, il titolo italiano è Il gioco della mantide. Cosa succederà? Verso la fine dell’episodio si capisce che queste belle taresiane non vogliono fare all’amore con Kim, bensì vogliono ucciderlo! Ta-dàn! Perchè la mantide religiosa stacca la testa al maschio dopo aver copulato. Grazie. Avrebbero potuto intitolarlo: Spoiler alert, il gioco della mantide.

In ogni caso questo spoiler non rovina molto perché c’è ben poco da rovinare. Questa puntata ha poca energia e spreca quella che avrebbe potuto essere un’ottima opportunità per dare un po’ di vita al personaggio di Harry Kim che, diciamolo, non è affatto interessante. E non per colpa del povero Garrett Wang! Non gli hanno dato molto materiale affidandogli un peronaggio che fondamentalmente è perfetto: giovane, voglioso di far bene, benvoluto da tutti… serve un lato oscuro per rendere interessante qualcosa, o almeno una storia da sviluppare! Per esempio Tom Paris è stato in prigione, Chakotay era un maquis, B’Elanna era maquis ed è mezza Klingon, il Dottore vuole diventare più umano, Neelix era un contrabbandiere ed è un bugiardo nato… ma Kim è semplicemente perfetto in tutto e per tutto. Renderlo alieno sarebbe stato interessante!

Invece niente, quest’opportunità (che pure, ho letto, era stata presa in considerazione, ma poi purtroppo abbandonata) viene sprecata, buttata al vento. E con questo fanno tre puntate consecutive mediocri (insieme alle precedenti Il lato oscuro e L’ascesa). Peccato, perché questa terza stagione aveva offerto ottimi picchi di qualità (come Flashback, per dirne uno) e con la scoperta dei Borg (in La febbre del sangue e Unito) prometteva qualcosa di più. Speriamo che si riprenda sul finale! Ciao!


Episodio precedente: L’ascesa

Episodio successivo: Prima e dopo

Annunci

5 risposte a "Star Trek: Voyager – S03E20, Il gioco della mantide"

  1. Classico e poco entusiasmante (quando avrebbe potuto esserlo, se si fossero degnati di rendere Kim davvero alieno) episodio di raccordo, di quelli che purtroppo ci tocca sopportare di tanto in tanto. Riguardo al finale di stagione, invece, le tue speranze non saranno vane 😉
    P.S. Penso di essere uno dei -credo- non moltissimi a considerare Terminator 3 superiore a Salvation (di Genysis non parliamone proprio)…

    Piace a 1 persona

    1. Ah, guarda, per me Terminator 3, Terminator Salvation e Terminator Genysis sono tutti in un unico calderone che ho chiamato “questi film non esistono”. Per me la saga di Terminator si ferma a T2! :–D

      Mi piace

      1. Beh, quella vera sì: come si può anche solo lontanamente pensare di raggiungere i fasti del mitico T2? Diciamo che, fra i faticosissimi tentativi di proseguire la saga, T3 è l’unico a risultarmi sopportabile (pur se a entusiasmo ridotto)… 😉

        Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...