Star Trek: Voyager – S05E07, Regressione infinita

180207-regressDopo lo splendido centesimo episodio della serie, si riparte con il Seven of Nine Show! Se non fosse ancora chiaro a tutti, dalla quarta stagione Star Trek: Voyager è diventata dipendente dal personaggio interpretato dalla bellissima Jeri Ryan, Seven of Nine, su cui gli sceneggiatori si sono sbizzarriti in uno sviluppo davvero senza precedenti visto che teoricamente la serie dovrebbe dare spazio uguale, o almeno simile, a tutti i suoi protagonisti. Ultimamente non è stato così… e sono in vena di liste! Da quando è apparsa, Seven of Nine è stata protagonista di tutti questi episodi:

  • L’addio di Kes. In una puntata in cui sarebbe stato doveroso centrare tutto su Kes, una buona parte del tempo viene spesa col Dottore che rimuove gli impianti Borg dal corpo di Seven.
  • La visione. Dopo un paio di episodi con Seven sullo sfondo, eccone uno in cui scopriamo come sia arrivata nel quadrante Delta.
  • Cacciatori. Dopo una manciata di episodi di gruppo, che probabilmente continuano ad essere i migliori di tutti e danno un senso di avanzamento della storia dell’equipaggio della Voyager più di quelli che si concentrano su un solo personaggio, Tuvok e Seven vengono catturati dai cattivissimi Hirogen!
  • A ritroso. Un episodio coraggioso e ben scritto in cui Seven accusa ingiustamente qualcuno e non riesce a rimediare al danno fatto…
  • Direttiva Omega. Janeway e Seven si scontrano frontalmente sull’eventuale uso o distruzione di alcune particelle potenti quanto pericolose. Uno scontro che almeno per un po’ ha delle conseguenze notevoli sulla relazione tra le due!
  • Sola. Seven deve portare da sola l’intera nave al di là di una nebulosa tossica. Scusate se è poco.
  • Speranza e paura. La speranza è di Janeway, la paura di Seven. Siamo quindi ad un altro episodio centrato sull’ex-Borg e sulla sua relazione col capitano.
  • Drone. Seven ha un figlio!

Otto episodi in poco più di una stagione, nessun’altro membro dell’equipaggio ha ricevuto così tanta attenzione degli sceneggiatori, mi sembra chiaro! Anche perché se così fosse accaduto la quarta stagione avrebbe dovuto essere di 100 episodi, non di 26… E di questo mi sto forse lamentando? No, per niente: Seven ha rimpiazzato Kes, tra i miei personaggi preferiti, ma almeno è stato fatto un investimento nella creazione e nello sviluppo del personaggio che non può far rimpiangere questa scelta. E arriviamo così a Regressione infinita (Infinite Regress)!

Una tecnobaggianata notevole è la scusa per far divertire Jeri Ryan e farle interpetare tutti i vari stereotipi di Star Trek: costretta a dare sfogo alle personalità di alcuni individui assimilati dai Borg a causa di un artefatto trovato alla deriva nello spazio, Seven si trova ad essere un violento Klingon, un viscido Ferengi… e via così. Ma c’è di più! Infatti scopriamo che qualcuno nel quadrante non ci sta a sottostare all’incontrastabile dominio Borg e quindi prova a combatterli con tattiche decisamente poco ortodosse. E sinceramente… è giustificabile il genocidio dei Borg che piano piano stanno assimilando tutto e tutti? Per Picard in I, Borg (Io, Borg, quinta stagione di The Next Generation) non lo era. Lo ammetto: io mi sono trovato a simpatizzare coi poveri alieni che stavano provando a vendicarsi. Ma naturalmente qui la priorità di Janeway era salvare la sua Seven!

Insomma, Regressione infinita è un altro solido episodio da aggiungere alla serie su Seven of Nine: la storia funziona, Jeri Ryan è più che convincente, torna la piccola Naomi Wildman (Scarlett Pomers) che interagisce in maniera simpatica con Seven, c’è pure un dilemma morale su cui non ci si sofferma troppo ma che comunque dà da pensare… avanti così!  Una sola cosa non ho capito: perché il Dottore ridicolizza così apertamente la fusione mentale vulcaniana chiamandola Vulcan mumbo-jumbo? Si tratta di una pratica molto conosciuta sin da tempi molto lontani. Mi è sembrato molto strano. Ciao!


Episodio precedente: Senza tempo

Episodio successivo: Nulla di umano


4 risposte a "Star Trek: Voyager – S05E07, Regressione infinita"

  1. Per quanto riguarda l’atteggiamento del Dottore, è possibile che si trattasse di un maldestro tentativo di umorismo (a riprova di una sua continua crescita come essere senziente , comprendente -come ogni crescita che si rispetti- sia successi che passi falsi)… Per il resto, la performance a personalità multipla della splendida Jeri Ryan vale giá da sola il prezzo del biglietto, come si suol dire! 😉
    P.S. Buon anno trek 😀🖖

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...