The X-Files – S03E11, Miracoli

Miracoli (titolo italiano liberamente ispirato dall’originale Revelations, Rivelazioni) è un episodio importante per almeno un paio di motivi. Il primo è il suo argomento principale, la fede, che l’episodio riesce ad affrontare con delicatezza e in modo profondo. Il secondo è il ribaltamento dei ruoli tra Mulder e Scully col primo a fare da scettico, per una volta, e la seconda a portare avanti le indagini contro tutto e tutti. E poi ci sono anche delle guest star eccezionali come Ronald Lee Ermey (Full Metal Jacket, 1987) e Michael Berryman (The Hills Have Eyes, Le colline hanno gli occhi, 1977).

Procedendo con ordine, la trama è la seguente: Mulder si attiva per il caso di un serial killer che sceglie le sue vittime tra sedicenti religiosi che sostengono di avere le stigmate (o stimmate), cioè dicono che sui loro corpi si palesino spontaneamente delle ferite simili a quelle subite da Gesù Cristo quando fu crocifisso. L’undicesima vittima nel giro di qualche anno è interpretata proprio dal buon Ronald Lee Ermey, ed è un sacerdote ciarlatano le cui mani sanguinavano ketchup durante i sermoni per impressionare i fedeli.

Quando al piccolo Kevin (Kevin Zegers) appaiono stigmate sulle mani a scuola, i nostri due agenti federali lo raggiungono convinti che sarà la prossima vittima dell’assassino. Devono però confrontarsi con la madre (Hayley Tyson) che non vuole separarsi dal figlio, mentre il padre (lo sfortunato Sam Bottoms, apparso in Apocalypse Now nel 1979 e morto molto giovane a causa di un tumore al cervello) è rinchiuso in un manicomio ed è convinto che Kevin sia una specie di prescelto del Signore.

Il resto della storia si snoda tra un killer demoniaco che può rendere le sue mani incandescenti (Kenneth Welsh), un protettore di Kevin che perde la vita e il cui cadavere profuma di fiori come quelli dei santi (Michael Berryman), e miracoli vari a cui Scully crede vedendo vacillare la sua fede nella scienza e che invece Mulder scarta come baggianate e trucchi da quattro soldi.

Scully a un certo punto perde pure la pazienza di fronte all’atteggiamento del collega (che poi è l’atteggiamento che assume lei con lui nel caso 99% dei casi!), e gli sbotta contro chiedendosi come sia possibile che alla prima luce nel cielo lui creda alle teorie più assurde ma stavolta non ci sia niente che lo possa smuovere! Ma, come spiega il prete nella splendida scena finale della confessione di Scully, forse questi segni non erano indirizzati a Mulder, ma a Scully, e per questo lei li ha visti e lui no. Questa prospettiva terrorizza Dana che si ritrova ad essere più religiosa di quanto pensasse: e se Dio ci parlasse spesso, ma non ci fosse nessuno ad ascoltarlo?

È così che si chiude Miracoli, con una domanda per niente banale che riguarda la percezione che tutti noi abbiamo di ciò che ci succede e che succede intorno a noi. E il discorso sulla fede non si limita a quella religiosa! Basta pensare a Mulder che aspetta il miracoloso ritorno di sua sorella Samantha, ma anche alla fede nella scienza di Scully usata per ribattere tutte le strambe teorie di Mulder… Insomma, si parla di un argomento che ci tocca tutti da vicino, tutti abbiamo fede in qualcosa, in un modo o nell’altro! 

Questo episodio monster-of-the-week quindi è decisamente intelligente, presenta un’ennesima occasione di crescita per uno dei due protagonisti, in questo caso Scully, ed offre pure una storia inquietante piena di fatti inspiegabili: Owen era davvero un angelo custode? E come aveva ottenuto i suoi straordinari poteri il malvagio uomo d’affari? E che dire delle ferite di Kevin, sia sulle mani che nel costato (dove Longino infilò la sua lancia mentre Gesù era sulla croce)? Sono domande che restano prive di risposta, anche se Kevin promette a Scully che si rivedranno… Chissà che nel futuro non ci sia un seguito di questo episodio, non sarebbe la prima volta (mi viene in mente il seguito di Omicidi del terzo tipo, ovvero Creatura diabolica). Ciao! 


Episodio precedente: Autopsia di un alieno II

Episodio successivo: Scarafaggi

Pubblicità

8 risposte a "The X-Files – S03E11, Miracoli"

  1. Incredibile, l’ho visto da poco (credo il mese scorso o giù di lì) e non lo ricordo minimamente! Sono pochi gli episodi che mi colpiscono positivamente, temo questo non sia fra quelli 😛
    Comunque mi confermi che le scelte degli ospiti di ogni episodio sono di quelle buone, spesso si trovano attori famosi o che hanno lavorato in film famosi.

    Piace a 1 persona

  2. Michael Berryman aveva avuto un piccolo ruolo (alieno addetto alle comunicazioni nel Quartier Generale di Starfleet) anche in “Star Trek IV – Rotta verso la Terra” 😉 Altro ruolo importante quello di Kenneth Welsh, che fu il malvagio Windom Earle in “Twin Peaks”, personaggio non meno demoniaco di quello interpretato qui in “Revelations”…
    Perfettamente d’accordo sul paio di motivi che rendono quest’episodio importante. In particolare, riguardo al ribaltamento di ruoli fra Mulder e Scully devo dire di aver assistito a qualcosa di molto ben orchestrato pur se, in fondo, assolutamente coerente con i personaggi: Mulder, infatti, da spirito libero e antisistema qual è, non riesce ad accettare le imposizioni dogmatiche di un’istituzione (quella religiosa) che, tra le altre cose, pretende pure di stabilire -secondo i suoi esclusivi criteri- cosa sia soprannaturale e cosa no mentre Scully, grazie al partner, ha iniziato da tempo a rendersi seriamente conto (pur se ancora più a livello inconscio che altro) di come ci siano più cose in cielo e in terra di quante possa comprenderne la sua razionalità (per parafrasare Shakespeare) e questo, lo voglia o meno, la rende ricettiva nei confronti di determinati fenomeni… chiamiamole anche manifestazioni divine, ricordando però che in “The X-Files” il concetto di divinità è sempre più sfaccettato di quanto possa sembrare a prima vista 😉

    Piace a 1 persona

    1. È vero, era anche in Star Trek IV!!!

      Queste dinamiche che hai sottolineato nel tuo commento tra Mulder e Scully sono splendide, anche perché mostrano come la loro sia una relazione in continua evoluzione e come entrambi i personaggi siano sfaccettati e, di conseguenza, interessanti!

      "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...