Sabrina: recensione del film

Sabrina è un film del 1954 diretto da Billy Wilder e con un trittico di attori protagonisti formato da Audrey Hepburn, Humphrey Bogart e William Holden. È una commedia romantica in bianco e nero che riesce ancora a far ridere a quasi settanta anni dall’uscita nelle sale e che contiene pure un’intrigante storia d’amore.

Il film comincia come una fiaba, con il classico “Once upon a time…” (C’era una volta) pronunciato da una voce narrante che spiega come Sabrina (Audrey Hepburn), figlia dell’autista Thomas Fairchild (John Williams), viva nella proprietà della ricchissima famiglia Larrabee e sia da sempre innamorata del rampollo David (William Holden), un rubacuori già sposatosi tre volte. Dopo un corso di cucina di due anni a Parigi, Sabrina tornerà a casa molto più matura e David finalmente si innamorerà di lei, ma sarà il freddo fratello Linus (Humphrey Bogart) a cominciare ad uscirci per motivi economici, almeno inizialmente…

Che dire di questo classico basato su una commedia di Broadway di Samuel Taylor e già oggetto almeno di un paio di remake (da notare quello di Sidney Pollack del 1995)? Non fu un successo di pubblico clamoroso all’uscita, ma è ormai da tempo considerato un grande classico. Ed effettivamente è un film che ancora oggi funziona benissimo, merito di una grande regia di Wilder che sopperisce ad un copione che a volte non sembra sapere che direzione prendere.

Infatti, la sceneggiatura sembra un po’ sbilanciata. Si dice, non a caso, che non sia stata completata se non a riprese già iniziate! Ha tanto spazio la presentazione di personaggi ma poi quasi non viene mostrata la relazione tra Sabrina e David, per esempio. Forse entra in gioco anche il fatto che in quella stessa relazione lui stia tradendo la futura moglie che nel frattempo sta pianificando il matrimonio: non è una storia extraconiugale ma poco ci manca, ed era il 1954!

In ogni caso, i momenti comici si sprecano: le reazioni dei lavoratori della casa alla lettura delle lettere di Sabrina da Parigi, i test di resistenza della plastica rivoluzionaria fatti nei luoghi e modi più improbabili, il capo famiglia Larrabee (Walter Hampden, che morirà l’anno successivo all’uscita del film) che finge di aver smesso di fumare con la moglie (Nella Walker) ma che ha sempre un sigaro in bocca, le battute taglienti di Linus verso il fratello che non ha la sua stessa passione per il lavoro, la scuola di cucina… Wilder sapeva perfettamente come mettere in scena una commedia e il suo tocco si nota costantemente nelle quasi due ore di film.

E sapeva anche come raccontare una storia romantica! Certo, è una storia tra Bogart 55enne e Hepburn 25enne, e la differenza di età si vede tutta. Però è anche vero che a livello di trama la cosa è ben giustificata, con Sabrina che è cresciuta accanto ai Larrabee con il sogno di poter entrare nel loro mondo di balli, feste, e ricchezza a non finire. Linus poi è presentato sì come un freddo investitore, ma non lo motiva né la sete di potere né l’avidità: è un capitalista illuminato, che vuole creare benessere e progresso! Che ci si possa credere o meno, ho trovato interessante che il copione precisasse la cosa.

Buffo leggere che Bogart non fu felicissimo di partecipare al film. Non accettò di buon grado essere chiamato all’ultimo momento come rimpiazzo di Cary Grant, non apprezzò le doti attoriali della Hepburn, e nemmeno gli andò a genio Holden! Non deve essere stato un piacere lavorare con lui, tanto che si dice che tempo dopo chiese scusa a Wilder per il suo comportamento aggiungendo che durante la lavorazione del film era particolarmente nervoso a causa di problemi personali. 

Per concludere, Sabrina è un film che ogni amante del cinema dovrebbe conoscere, e se in più non potete resistere al fascino di Audrey, come me, non avete scuse: guardatevi questa commedia di Billy Wilder al più presto, ciao! 


Link esterni:

Pubblicità

6 risposte a "Sabrina: recensione del film"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...