Star Trek: TOS – S01E23, Una guerra incredibile

atasteofarmageddonhd231A Taste Of Armageddon (titolo italiano: Una guerra incredibile, e non la traduzione letterale Un assaggio di Armageddon) è uno stranissimo episodio con un’idea di base molto divertente, un bel messaggio pacifista, realizzato splendidamente, ma che mi ha lasciato con dei dubbi. L’Enterprise è diretta al pianeta Eminiar nel gruppo di stelle NGC321 per una missione diplomatica: stabilire delle relazioni con la popolazione indigena. Cinquanta anni prima c’aveva provato anche la USS Valiant, aveva comunicato di una guerra in corso, e poi era misteriosamente scomparsa. Una volta giunti a destinazione, dal pianeta intimano di andarsene, ma l’ambasciatore Fox (Gene Lyons) non ne vuole sapere e forza Kirk a teletrasportarsi e ad avere un primo contatto col governo del posto.

A riceverlo ecco la bionda di turno, Mea 3 (Barbara Babcock, che sorprendentemente non otterrà nessun bacio del capitano), che porta Kirk, Spock, l’aiutante Tamura (Miko Mayama) e le due red shirt Galloway e Osborne (David L. Ross e un attore ignoto, che sorprendentemente non moriranno: è un episodio decisamente anomalo!) dal Consiglio che governa il pianeta guidato da Anan 7 (David Opatoshu). E qui si capisce poco a poco come stanno le cose: da 500 anni va avanti una guerra contro Vendikar, un pianeta vicino. Ma per evitare di distruggersi a vicenda, gli attacchi tra i due pianeti vengono simulati al computer e le vittime teoriche si presentano a delle stazioni di disintegrazione per suicidarsi e diventare così vittime reali. In questo modo la civilizzazione può andare avanti, non essendoci danni materiali, e la guerra pure può continuare in maniera più… civilizzata. Le cose si complicano quando l’Enterprise guidata da Scotty entra nell’elenco di vittime della guerra!

Quando Kirk scopre come funziona la guerra lo trova inaccettabile. In barba alla Prima Direttiva comincia a fare di tutto per cambiare le cose, incluso usare la forza in prima persona e minacciare la distruzione del pianeta usando il potenziale offensivo della sua nave! E alla fine la sua caparbietà avrà la meglio sulla volontà degli abitanti degli autoctoni: Kirk e Spock distruggendo il computer che simula gli attacchi obbligano gli Eminian e i Vendikan o a cominciare una guerra che li annichilisca in poco tempo, o a sedersi ad un tavolo e intavolare dei negoziati di pace. Con l’aiuto di Fox, sceglieranno quest’ultima opzione.

L’idea di rendere davvero minacciosa la guerra facendola diventare reale e quindi costringendo i due popoli a porre fine alla stessa è certamente intelligente. Quello che però ho trovato un po’ disturbante è la chiarissima violazione della Prima Direttiva e questa imposizione della volontà della Federazione sugli abitanti di Eminiar e Vendikar. Vivono in modo assurdo? Sì. Hanno il diritto di farlo? Sì!!! Chi sono Kirk, Fox e compagni per dire a questa gente che il loro comportamento è sbagliato e per forzarli a cambiare vita? Perché la morale della Federazione è superiore a quella di questa gente?

Quando in The Next Generation abbiamo visto popoli in guerra tra di loro da secoli l’intervento di Picard era sempre giustificato dal fatto che i popoli stessi avevano invocato l’intervento della Federazione (vedasi per esempio il notevole Rumoroso come un sussurro, Loud As A Whisper, seconda stagione). Qui invece Kirk arriva non invitato, usa la violenza per imporre la sua soluzione e se ne va. E se poi i due popoli decidessero di annichilirsi davvero con armamenti reali? Il nostro capitano si sarebbe reso responsabile della fine di ben due civiltà!

È chiaro che il messaggio è antimilitarista ed è sottolineato dall’attitudine di Kirk e Spock che fondamentalmente pensano: “Siete una massa di cretini, lasciate che vi spieghiamo perché e che risolviamo il casino in cui vi trovate da 500 anni. La guerra è una stupidata.” C’è soltanto buona volontà dietro questo modo di fare, ovvio, con la nobile intenzione di porre fine ad una guerra con milioni di vittime ogni anno. Ma la forzatura e l’implicito riconoscimento della superiorità morale della Federazione mi hanno lasciato un certo amaro in bocca, lo ammetto. Ciao!

PS: da segnalare l’immenso Montgomery Scott (spalleggiato dal dottor McCoy) che tiene testa all’ambasciatore ed evita la distruzione dell’Enterprise per mano dei guerrafondai di Eminiar!


Episodio precedente: Spazio profondo

Episodio successivo: Al di qua del Paradiso

Pubblicità

11 risposte a "Star Trek: TOS – S01E23, Una guerra incredibile"

  1. Diciamo che Picard rappresenta una Federazione più matura e meno disposta ad interferire in base ai propri esclusivi principi morali (sui quali, comunque, DS9 ha l’ammirevole coraggio di far “pesare” la presenza della Sezione 31) mentre Kirk ne rappresenta la fase precedente, ancora parzialmente animata da un irruento spirito di frontiera e, anche per questo, non sempre capace di evitare i colpi di testa dei propri uomini migliori 😉 … e, ti avviso già da ora, il mitico Jim si spingerà oltre (quando si tratterà di decidere autonomamente, per contrastare le mire dei Klingon, se una guerra sia “giusta” o meno in barba alla Prima Direttiva).

    Piace a 1 persona

    1. Eh si, venti anni dopo l’esordio di Star Trek si era capito che la Prima Direttiva andava fatta rispettare per davvero!

      DS9 è splendido in questo suo mostrarci una Federazione ligia ai suoi principi ma che allo stesso tempo li viola per considerazioni strategiche… infatti è considerato lo Star Trek più anomalo di tutti! A proposito, dovrebbe essere realtà il tanto agognato documentario su DS9 fatto da Ira Steven Behr, io non vedo l’ora di vederlo!!!

      E i Klingon… pure da loro mi aspetto grandi cose!

      "Mi piace"

  2. Sapete come avrebbero potuto ottenere il medesimo risultato senza che le vittime si recassero VOLONTARIAMENTE nelle camere di distruzione? Diffondere il COVID-19. Meditate. Io l’ho fatto. Economicamente sarebbe stata la stessa cosa.

    "Mi piace"

  3. A volte mi capita di pensare a come sarebbe stata strutturato lo stesso episodio ma oggi. In questo caso credo che il risultato sarebbe stato lo stesso, ma la decisione sarebbe stata molto più sofferta e incentrata sul dilemma su cosa sia giusto fare. Kirk forse pecca di troppa sicurezza e arroganza; è un personaggio perfetto per gli anni ’70, l’uomo perfetto per certuni. Oggi credo che non funzionerebbe così bene.

    Piace a 1 persona

  4. Ecco, questo episodio invece l’ho adorato! I 2 pianeti che si scannano, ma civilmente (genialata per risparmiare sui costi di rappresentazione della guerra… facciamo la guerra, ma ODIMO! xD ), coi volontari che si sacrificano per un bene “superiore”, l’arrivo di un “alieno” che li riporta a più miti consigli… sembra un episodio di Doctor Who, più che di Star Trek!

    Tra l’altro il capo del pianeta è davvero in buona fede, visto che arriva a sacrificare per il bene comune anche la moglie… quando all’inizio pensavo che fosse invece tutta una sua invenzione per mantenere il potere!

    Piace a 1 persona

    1. Non conosco Doctor Who, ma ti credo! :–)

      L’episodio ha evidentemente tante buone intenzioni, e non ci sono veri e propri cattivi, solo due popoli che agiscono in un modo ritenuto inaccettabile da Kirk e soci (e da noi, naturalmente). Tante serie di Star Trek a volte superano un certo limite che le porta a promuovere un interventismo che tradisce un sentimento di superiorità verso altre civilizzazioni e TOS ne ha alcuni esempi, e questo episodio non è certamente il peggiore (Star Trek: Enterprise è forse la serie che pecca di più da questo punto di vista, mentre The Next Generation prova sempre ad essere più “giusta”).

      "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...